Area pubblica
Area per il medico

Vivere l'estate a pieno ritmo

L'estate è la stagione del divertimento e della libertà per gli adolescenti. Anche i ragazzi con emofilia possono viverla a pieno, seguendo le seguenti regole:

  • Nella bella stagione, l'attività fisica si pratica soprattutto all'aperto, in strutture sportive attrezzate, in spazi liberi o in ambienti naturali che per le loro caratteristiche possono aumentare la probabilità di cadere e/o farsi male. Un consiglio valido per tutti, a prescindere dal fatto di soffrire di emofilia, è valutare bene i possibili rischi associati al luogo scelto per praticare lo sport e prestare la giusta attenzione. Certamente l'indipendenza nella pratica della autoinfusione e la profilassi regolare, in caso questa sia stata prescritta dal medico del Centro Emofilia, renderanno tutto più facile.

  • Il nuoto è uno sport eccellente sotto tutti i profili che può essere praticato senza problemi da chiunque, a qualunque età. Tuttavia, quando si è fuori dalla vasca, piscine e centri acquatici hanno il brutto difetto di essere luoghi ad alto rischio di cadute e traumi, a causa di pavimenti e bordo-vasca bagnati e sdrucciolevoli. Per evitare problemi, usate sempre ciabatte antiscivolo, fate attenzione alle fasi di entrata/uscita dall'acqua, evitate i tuffi (specie quelli con rincorsa e da trampolino) e non scherzate con gli amici a bordo-vasca (per esempio, per far cadere qualcuno in piscina o fargli sbagliare un'entrata).

  • In estate, vien voglia di essere liberi e autonomi. Soprattutto nei luoghi di vacanza, usare i mezzi pubblici per spostarsi può essere noioso e, talvolta, abbastanza complicato. D'altro canto, usare biciclette o scooter su strade piene di turisti può essere pericoloso, perché il rischio di cadere e rovinarsi la vacanza è alto. Anche al mare o in montagna, per gli spostamenti cercate sempre di preferire autobus e treni, oppure chiedete un passaggio in auto a genitori, fratelli/sorelle maggiori o amici più grandi. La pratica regolare della profilassi e la pronta disponibilità di qualche fiala extra di fattore adeguatamente conservata vi aiuterà comunque a non avere gravi complicanze in caso di traumi.

  • Tra le formule di vacanza possibili, il campeggio con gli amici è sicuramente una delle più divertenti e stimolanti, ma anche una delle più faticose sul piano fisico e difficile da gestire dal punto di vista medico-sanitario, specie se si sceglie una destinazione un po' selvaggia e lontana da centri abitati. Per gli emofilici il campeggio non è vietato, a patto di attrezzarsi opportunamente per poter conservare adeguatamente i concentrati e praticare regolarmente la profilassi con il proprio fattore senza problemi, di avere la possibilità di muoversi facilmente in automobile e di scegliere una destinazione vicina a un centro medico attrezzato per ogni eventuale necessità.

  • A prescindere dal fatto di soffrire di emofilia, se si decide di fare un'escursione in montagna con gli amici è bene studiare bene il percorso prima della partenza e informare i genitori o altre persone adulte del tragitto, per poter essere rintracciati facilmente in caso di necessità. Inoltre, è indispensabile che il gruppo porti con sé almeno due telefoni cellulari funzionanti e accesi, con memorizzati in rubrica i numeri di emergenza, e che resti in zone coperte dal campo. Almeno una persona del gruppo deve mettere nello zaino un kit di primo soccorso e sarà bene portare il necessario per una infusione extra del fattore da infondere in caso di traumi.

  • Anche se si è affetti da emofilia, se si ha l'occasione e la voglia di fare una gita in barca, non si deve rinunciare. Per non avere problemi, basta praticare regolarmente la profilassi, portare con sé un kit sanitario di emergenza e non adottare comportamenti a rischio durante la navigazione e le soste, seguendo sempre le istruzioni del "capitano". In caso di tragitti in mare lunghi, lontani dalla costa o che prevedano pernottamenti in approdi selvaggi, è opportuno avere con sé il necessario per la profilassi e seguire quanto sopra suggerito per il campeggio.

  • Le vacanze di gruppo, completamente libere o supervisionate da adulti, sono tra le esperienze più divertenti e costruttive dell'adolescenza, perché insegnano a stare bene in mezzo agli altri, a costruire relazioni e a rispettarsi a vicenda. Per chi soffre di emofilia, la vacanza di gruppo è anche un momento per far conoscere meglio la malattia agli amici e per far capire che può essere gestita.

  • Prova costume o meno, l'estate è il periodo che più di tutti invoglia a curare la forma fisica, attraverso la dieta sana e il movimento. Cogliete ogni occasione per farvi del bene: mangiate frutta e verdura fresche; bevete molta acqua; assumete giuste quantità di carboidrati complessi e proteine; cercate di evitare hamburger, hot dog, patate fritte, alimenti preconfezionati di scarso valore nutritivo e alto contenuto calorico, come merendine, snack confezionati, dolciumi, e bibite gassate (che non vanno neanche tanto d'accordo con il caldo); praticate sport e muovetevi più che potete (senza strafare ed evitando le ore più calde della giornata).

  • Il benessere passa anche da ritmi di vita regolari e sane abitudini: due cose che in vacanza ci si sente spesso autorizzati a violare. Sbagliando, perché per vivere bene la vacanza è importante stare bene. Andare a letto troppo tardi, dormire poco, bere alcolici o fumare troppo è del tutto controproducente perché fa sentire stanchi, fuori forma e nervosi durante il giorno, impedendo di apprezzare tutto il bello e gli amici che si hanno intorno.

  • Le vacanze estive sono l'occasione migliore per conoscere persone divertenti e interessanti. Non abbiate timore di informare i nuovi amici del fatto che siete affetti da emofilia e di spiegare di che cosa si tratta: li aiuterà a capire meglio le vostre esigenze e sarà un modo per approfondire la conoscenza reciproca e costruire un legame più saldo.

CAD PP-GIP-ITA-0049

vedi anche
Medicina Narrativa
Consulta le storie di malattie del progetto "Viverla tutta"
vedi anche
Che cos'è l'emofilia?
Scopri diffusione, caratteristiche e trattamento dell’emofilia
Infoemofilia su Facebook
Scopri la nuova pagina dedicata all'emofilia
Le videointerviste - Emofilia e qualità della vita
guarda
E4you

Gentile utente,
con il successivo modulo che ti preghiamo gentilmente di compilare, ti chiediamo alcuni dati necessari all'esecuzione dei contenuti in linea con il tuo profilo. Per quanto gli stessi siano informazioni di tipo basilare sono comunque dati sensibili per i quali ci devi fornire il tuo consenso scritto che ti preghiamo di fornire in questo modo, con l'avvertenza di non rendere in alcun modo i dati identificabili, essendo la diffusione di dati sanitari vietata dalla legge. La finalità del trattamento di questi dati è quella di offrirti un profilo di contenuti il più possibile attinente alle tue scelte. Nessun’altro dato sarà trattato - puoi leggere l'informativa completa a questo link

Accetto i termini del servizio
Infoemofilia per te; accedi ai contenuti in linea con il tuo profilo
seleziona le icone e clicca il pulsante "scopri""avanti"
seleziona il sesso
donna
uomo
avanti
seleziona la fascia di eta'
infante
(0 - 36 mesi)
bambino
(3 - 11 anni)
adolescente
(12 - 19 anni)
adulto
avanti
indietro
seleziona tipo
emofilia tipo a
emofilia tipo b
avanti
indietro
seleziona intensita'
grave
moderata
lieve
indietro
scopri