Area pubblica
Area per il medico

La scuola come diritto

La scuola rappresenta uno degli scogli più difficili da affrontare per i bambini affetti da MEC (e da emofilia in particolare). Spesso le difficoltà cominciano proprio dagli altri genitori e dalla paura che genera la condizione di malattia; per questo cercare di promuovere un ambiente informato e disponibile crea un tessuto di solidarietà e di accoglienza che aiuta questi bambini a non sentirsi "invisibili".

La scuola è una delle palestre d'inclusione sociale più importanti, perché una comunità scolastica che impara ad accogliere è una comunità che non solo sostiene il bambino, ma aiuta l'intera famiglia a sopportare il peso della patologia.

I bambini e gli adolescenti affetti da emofilia hanno il diritto di partecipare in modo completo alla vita scolastica e sociale, come tutti i loro coetanei; spesso però rischiano di essere "stigmatizzati" sia dai compagni sia dagli insegnanti i quali, non essendo informati sulla patologia emofilica, possono manifestare atteggiamenti di paura o di iperprotezione che influiscono negativamente sia sulla socialità sia sulla crescita del bambino/adolescente.

CAD PP-GIP-ITA-0067


vedi anche
Medicina Narrativa
Consulta le storie di malattie del progetto "Viverla tutta"
vedi anche
Che cos'è l'emofilia?
Scopri diffusione, caratteristiche e trattamento dell’emofilia
Infoemofilia su Facebook
Scopri la nuova pagina dedicata all'emofilia
E4you
Infoemofilia per te; accedi ai contenuti in linea con il tuo profilo
seleziona le icone e clicca il pulsante "scopri""avanti"
seleziona il sesso
donna
uomo
avanti
seleziona la fascia di eta'
infante
(0 - 36 mesi)
bambino
(3 - 11 anni)
adolescente
(12 - 19 anni)
adulto
avanti
indietro
seleziona tipo
emofilia tipo a
emofilia tipo b
avanti
indietro
seleziona intensita'
grave
moderata
lieve
indietro
scopri